Primavalle, sopralluogo nell'Istituto De Amicis

Sono partiti, da parte del consigliere provinciale Federico Iadicicco e del presidente del Consiglio del Municipio XIX, una serie di sopralluoghi nelle scuole per verificare lo stato di manutenzione

Redazione 8 marzo 2012
1

Sono partiti dall'Istituto De Amicis in Via Cardinal Capranica i sopralluoghi per verificare lo stato di ordinaria manutenzione delle strutture in carico alla Provincia di Roma e ricadenti sul Municipio XIX. A renderlo noto sono il presidente del Consiglio del Municipio XIX Massimiliano Pirandola e il consigliere provinciale Federico Iadicicco che hanno iniziato i sopralluoghi.

"L'Isituto De Amicis si trova in una zona molto delicata del municipio: lì vicino, qualche mese fa, esisteva il mercato abusivo e fuori ogni controllo di Largo Sacconi, bonificato grazie ad un lungo intervento coordinato dal sindaco Alemanno e dal Municipio", scrivono Iadicicco e Pirandola in una nota congiunta.

Annuncio promozionale

I consiglieri, coadiuvati dall’ufficio tecnico della Provincia, hanno verificato una serie di possibili migliorie da apportare alla scuola, in particolare l’installazione di video sorveglianza e di un cancello elettrico, mentre è ancora da verificare l’efficienza dell’impianto fotovoltaico presente sul tetto della scuola ad oggi non installato. "Per la manutenzione ordinaria, invece, sono stati sollecitati alcuni interventi di potatura e rifacimento dei  bagni", fanno sapere i consiglieri.

Massimiliano Pirandola
Torrevecchia
scuole
sopralluogo

1 Commenti

Feed
  • Avatar di osservatorio Primavalle

    osservatorio Primavalle L'impianto fotovoltaico non c'è mai stato all'IPSIA De Amicis, il cancello elettrico già c'è e non ha bisogno di riparazioni. La videosorveglianza è inutile, i bagni sono nuovi e se a potare viene la Provincia, meglio lasciar perdere, c'è il rischio che tirano giù anche la scuola insieme alle piante...e poi il mercato non è stato "bonificato"...come si fa a bonificare un mercato??? SGOMBERATO potrebbe essere un termine più appropriato e ad oggi, dopo 5 mesi, i rigattieri che vi lavoravano sono costretti a fare sciopero della fame davanti al municipio, perchè stanno morendo di fame! Ma dico, almeno una cosa vera potevate scriverla in questo articolo.

    il 16 marzo del 2012