MonteMarioToday

La sede del Municipio XIV inagibile: gli uffici si trasferiscono nell’ex manicomio

Il trasferimento del personale da via Mattia Battistini al complesso del Santa Maria della Pietà “doveroso e improcrastinabile”: la vecchia sede tra carenze strutturali e di sicurezza

Da via Mattia Battistini al complesso del Santa Maria della Pietà: si trasferiscono gli uffici del Municipio XIV. Uno spostamento che era nell’aria da tempo ma ad oggi “doveroso e improcrastinabile”, così ha scritto il direttore del Quattordicesimo in una nota, viste le condizioni dello stabile che ospita la sede istituzionale e amministrativa del Monte Mario. 

Gli uffici del Municipio XIV al Santa Maria della Pietà

Una palazzina al civico 46 di via Mattia Battistini divenuta inagibile con “evidenti criticità per sicurezza e salute delle persone, carenze strutturali e di progettazione antincendio”. A preoccupare i vertici del XIV lo stato di degrado dell’edificio: uno stabile di sei piani, compreso l'interrato, destinato ad uso civile per il quale il Comune paga quasi 225mila euro l’anno a titolo di “indennità di occupazione” essendo il contratto di locazione scaduto da diversi anni. 

Il trasferimento nel complesso del Santa Maria della Pietà consentirà anche all’amministrazione di risparmiare: “Il costo totale degli affitti ammonterà a circa 100.000 euro con un netto risparmio rispetto al passato” - ha sottolineato la consigliera del M5s in XIV, Francesca Giaracuni, specificando come il Roma Monte Mario potrà usufruire come sede istituzionale dei padiglioni 16 e 18 e per attività di carattere culturale e sociale del 31, quello occupato dell’Ex Lavanderia.

Il Municipio "sgombera" l’ex Lavanderia: un polo solidale nel padiglione della storica occupazione

“Dopo decenni di tentativi falliti da parte delle precedenti Amministrazioni, siamo fieri di essere riusciti a completare questo spostamento, contribuendo a migliorare la qualità della vita lavorativa dei dipendenti e a semplificare quella dei cittadini” - ha commentato Giaracuni, presidente della commissione Bilancio, Patrimonio e Personale. 

La polemica, Pd: "Forte Trionfale dimenticato"

Nessun ufficio dunque nel Forte Trionfale, come indicato dall’amministrazione dell’ex presidente dem Valerio Barletta. “Nella scorsa consiliatura erano state messe in campo tutte le misure necessarie per trasferire la sede municipale presso il Forte Trionfale in via di acquisizione al patrimonio comunale. Con l’avvento dei 5 Stelle con la Raggi in Comune e Campagna in Municipio, l’acquisizione del Forte Trionfale è stata lasciata morire e la sede nonostante gli annunci (secondo Campagna il trasferimento doveva avvenire già nel 2018) è rimasta in via Battistini. Da quello che leggiamo - hanno scritto Barletta e il consigliere del Pd, Julian Colabello - oggi gli uffici dovrebbero essere trasferiti al Santa Maria della Pietà, ma non sappiamo se ci siano padiglioni a disposizione anche considerando che è in corso ormai da tre anni la redazione di un piano urbano per l’ex manicomio sulla base di un accordo tra la Raggi e la Regione. Insomma – hanno concluso – un disastro annunciato, frutto del nulla di fatto di questi quattro anni”.

La sede del Roma Monte Mario nell'ex manicomio

Il trasferimento degli uffici da via Mattia Battistini al Santa Maria della Pietà è previsto entro il 31 giugno. Ad ovviare alla mancanza di spazi idonei ad ospitare tutti i dipendenti del XIV, in attesa della completa ristrutturazione dei padiglioni 16 e 18, il proseguimento dello smartworking. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“In tutte le sedi istituzionali abbiamo indicato il Santa Maria della Pietà come l'unico luogo possibile dove trasferire la sede di Via Battistini. La soluzione proposta dalla precedente amministrazione era, a nostro giudizio, inapplicabile da un punto di vista economico e logistico. Come amministrazione - ha sottolineato Alessandro Volpi, consigliere grillino del XIV - abbiamo saputo cogliere quegli elementi d’innovazione che impone il terribile momento attraversato dal nostro Paese a causa del Covid-19: Roma Capitale continuerà ad attuare lo smart working anche finita l’emergenza sanitaria. Questa precisa volontà politica ha creato degli spazi laddove prima non c'erano, permettendoci di riunificare entro il Santa Maria della Pietà tutti gli uffici Municipali”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intervengono per sgomberare un appartamento abitato da un'anziana e trovano deposito d'armi

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento