MonteMarioToday

Rifiuti gettati davanti al Municipio XIV, condanna del M5S: "Gesto di inciviltà"

La capogruppo Giaracuni: “Cosa si pensa di risolvere con queste forme di vandalismo?”. Le opposizioni: “Dimostrato il disagio dei cittadini”

L’emergenza rifiuti, oggi 10 maggio, ha raggiunto il picco dell’esasperazione nel Municipio XIV. Una decina di sacchi dell’immondizia, accompagnati da verdura e bucce di banana sono stati lasciati davanti alla sede del parlamentino di Monte Mario, in via Mattia Battistini, come raccontato da RomaToday (LEGGI QUI L'ARTICOLO). Sulla vicenda il minisindaco del M5S, Alfredo Campagna, non ha rilasciato commenti. A parlare, invece, è stata Francesca Giaracuni, capogruppo pentastellato, che ha ribadito, a nome del Movimento, “l’assoluta contrarietà ad azioni come quelle subite, gesti che nulla hanno a che fare con la protesta, ma che denotano tutta l’inciviltà di cui alcuni sono capaci”

Rifiuti davanti al Municipio XIV

Giaracuni, nel suo intervento, ha dichiarato: “Qualcuno ha pensato bene di far ritrovare davanti all'ingresso del Municipio sacchi di spazzatura stracolmi di rifiuti organici con la firma ‘cittadini esasperati del Municipio XIV’. Questi, a parer mio, non sono atteggiamenti che esprimono esasperazione bensì inciviltà. Cosa si vuole dimostrare? Cosa si pensa di risolvere con queste forme di vandalismo? Sono accettabili tutte le critiche – ha puntualizzato in un lungo post su Facebook – ma questo non può essere considerato un atto di protesta”.

rifiuti monte mario-2

"Comportamento da condannare"

Per la consigliera a Cinque Stelle “un comportamento di questo tipo è condannabile alla stregua del buttare la spazzatura per terra, lasciare ogni forma di arredo per strada, dar fuoco ai cassonetti pieni di rifiuti. Tutto ciò non solo danneggia l’Amministrazione – ha notato – ma nuoce al senso civico e all’idea di comunità, che faticosamente e coraggiosamente stiamo cercando di ricreare”.

Emergenza rifiuti nel Municipio XIV

Nelle scorse settimane questo portale ha descritto situazioni non proprio idilliache registrate a Monte Mario, Torrevecchia, Balduina, Quartaccio, Primavalle. Un quadro presente, peraltro, in altre zone della Capitale: “Abitiamo tutti davanti a un cassonetto traboccante – ha insistito Giaracuni – giriamo per la città e viviamo in prima persona da cittadini questo insopportabile degrado. Come Amministrazione municipale, non abbiamo competenza diretta su Ama, possiamo solo segnalare le criticità, cosa che facciamo ogni giorno, ma ovviamente non basta e lo sappiamo bene. Condividiamo con tutti i cittadini sconforto e stanchezza per la situazione. In aggiunta, viviamo anche la quotidiana frustrazione di vedere che il lavoro fatto a livello capitolino non è sufficiente a risolvere una situazione incancrenita. Come maggioranza – ha annunciato – abbiamo preparato un atto per esprimere, con tutta la nostra forza, il disagio che stanno vivendo i cittadini del territorio (e noi siamo tra questi).”

Le minoranze: "Gesto che mostra disagio"

Di tutt'altro avviso le minoranze del Quattordicesimo. Stefano Oddo, del Gruppo misto, ha parlato di “un gesto forte , che dimostra il disagio dei cittadini". Alessio Cecera, del Pd, ha detto: “Una protesta efficace, che riassume il malessere vissuto dalla gente. La situazione dell’emergenza rifiuti, nel Municipio XIV, è grave. Una mano è arrivata dalla Regione, che ha approvato la delibera che proroga il contratto fino al 31 dicembre, dando la possibilità al Comune di trasferire 39mila tonnellate di indifferenziato prodotto in città presso due Tmb presenti in Abruzzo. Il tema urgente, superato questo passaggio, è quello della sanificazione dei punti in cui si trovano i cassonetti”. Sempre per i democrat ha espresso il suo pensiero Julian Colabello: "A memoria non ricordo un episodio del genere. Resta il fatto che il nostro territorio sta vivendo una situazione di emergenza rifiuti ancor più grave di quella di un anno fa. L'iniziativa di oggi denota insofferenza e disagio da parte dei cittadini"

"Prendere sul serio questa protesta"

Più dura la posizione di Fratelli d’Italia, esposta dal capogruppo Alberto Mariani e dal consigliere Fulvio Accorinti: “L’invito all’Amministrazione municipale è quello di prendere sul serio il gesto di protesta, che sintetizza la disperazione e la rabbia dei cittadini, oltre a mostrare cosa si stia vivendo in città. Al momento, siamo davanti alla più critica emergenza rifiuti degli ultimi due-tre anni. È il caso che Regione e Comune si siedano a un tavolo per trovare la soluzione. Infine una riflessione: è strano vedere come vengano scaricati i cittadini, quegli stessi che hanno votato Cinque Stelle e che ora protestano”.

Potrebbe interessarti

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Morso del ragno violino, tutto quello che è bene sapere

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

I più letti della settimana

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Roma, incendio in via Appia Nuova: brucia autodemolitore, alta colonna di fumo nero in cielo

  • Incidente a Primavalle: si ribalta con la Porsche e scappa lasciando donna agonizzante in auto

  • Cerveteri si prepara al Jova Beach Party: bagni vietati e stabilimenti chiusi in anticipo. Tutte le info

  • Metro A, nel week end chiude la tratta tra Colli Albani e Anagnina

Torna su
RomaToday è in caricamento