MonteMarioToday

A Primavalle “buona la prima”: raccolte 500 firme per riapertura del cinema Galaxy

Mercoledì la saracinesca di via Maffi era alzata a metà

“Buona la prima”. Il commento è arrivato al termine dell’iniziativa organizzata lo scorso venerdì per la riapertura del Galaxy, ultimo cinema di Primavalle che con il rientro dalle vacanze estive ha momentaneamente chiuso i battenti. In piazza Capecelatro è andato in scena l’evento organizzato dal Comitato che si è costituito per ridare linfa all’immobile di via Pietro Maffi. Secondo quanto appreso, sono state raccolte cinquecento firme. Oggi, 9 ottobre, un altro banchetto è stato allestito in via Federico Borromeo (foto sotto). Tra una settimana sarà consegnata al Municipio XIV un'interpellanza insieme alle firme messe in calce. Nel mezzo un colpo a sorpresa: la saracinesca del Galaxy mercoledì 4 ottobre è rimasta aperta a metà. Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto?

La partecipazione

Il processo di partecipazione sta spingendo il piede sull’acceleratore. Giovedì il Comitato - che sta raccogliendo le adesioni di molti giovani del quartiere – si riunirà per fare il punto. Nel frattempo, è stata segnalata l’adesione “dei negozianti, che hanno preso i moduli e che li stanno facendo circolare”. Durante la raccolta firme, sono state registrate una quindicina di interviste. Tra ricordi e aneddoti, la mente è tornata indietro a ciò che era prima il Galaxy, ovvero lo storico cinema Niagara, punto di riferimento per tutta Primavalle. 

banchetto-2

Saracinesca alzata a metà

Come detto, la cosa che non è passata inosservata è stata vedere la saracinesca alzata a metà. Perché? Qualcuno ha glissato “forse erano in corso le pulizie". Chissà, invece, che non possa trattarsi un messaggio ‘subliminale’. Nessuno, comunque, si è sbilanciato in merito.

La proposta culturale

Il Comitato che è nato il 28 settembre in via Bonelli, sede decentrata dell’Unione inquilini, ha stilato una sorta di programma salva-Galaxy, con all’interno una proposta culturale. L’obiettivo è che una società cinematografica “apra una trattativa con la proprietà dell’immobile per ricostruire un cinema multiculturale, con una programmazione di qualità”. Tra le idee avanzate quella di proiettare film d’essai, integrati a proposte teatrali o musicali, nelle sale più piccole. Inoltre, è stata ipotizzata come soluzione pure la riduzione del biglietto. Tante le opzioni nel menù, per la ricetta che ha un ingrediente principale: "No a operazioni speculative".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

Torna su
RomaToday è in caricamento