MonteMario Today

Montemario, apre il nuovo percorso della via Francigena

Inaugurato il sentiero verde che congiunge la parte alta di Montemario a piazzale Clodio. Alla manutenzione penseranno detenuti semiliberi e condannati a lavori di pubblica utilità

Un nuovo sentiero nell'incantevole scenario della Riserva naturale di Montemario. Lungo la via Francigena, si scende dal Belvedere di viale Mellini, con il suo spettacolare skyline, nella natura rigogliosa del parco, fino a via Romeo Romei, con la sua nuova palestra attrezzata all'aria aperta. Sabato 5 novembre è stato finalmente inaugurato il percorso verde, alla presenza dell'ente Roma Natura, dei rappresentanti politici del I municipio, e di cento accompagnatori professionisti dell’Associazione FederTrek –Escurionismo e Ambiente.

"Siamo veramente molto soddisfatti di riconsegnare la parte alta di Montemario a piazzale Clodio, il tratto che va verso la Porta Santa - commenta Maurizio Gubbiotti, Commissario Straordinario dell’Ente RomaNatura - e lo siamo in particolar modo di farlo oggi (sabato 5 novembre, ndr) perché domani è la giornata del Giubileo dei Carcerati. Sarà anche per i pellegrini che lo percorreranno in questa importante occasione"

Ora però la sfida è mantenere il decoro, tramite sì la fruizione da parte dei cittadini, fondamentale per tenere viva l'area, ma anche con un'attività costante di pulizia. "Abbiamo sottoscritto un piano promosso dalla Regione Lazio che prevede il rapporto con carcerati di Rebibbia, nel caso specifico detenuti semiliberi che penseranno alle pulizie" spiega ancora Gubbiotti. Intesa che si aggiunge alla convenzione già esistente tra I municipio e Tribunale che permette l'impiego di condannati a lavori di pubblica utilità nelle aree verde del centro. Come confermato dall'assessore all'Ambiente della City romana, Anna Vincenzoni, presente all'inaugurazione insieme alla presidente Sabrina Alfonsi. 

"Che dire, una bellissima giornata, per noi rappresenta un tassello ulteriore del rapporto avviato con Roma Natura e con i comitati territoriali. Abbiamo all'attivo diversi protocolli d'intesa che non sono rimasti pezzi di carta. Stiamo collaborando anche per il parco di via Teulata, alle pendici di Montemario. Oggi è una giornata ulteriore che si aggiunge a questo impegno, una festa positiva e collaborativa. Il municipio metterà inoltre a disposizione l'accordo stipulato con il ministero per l'impiego di condannati a pene brevi alternative al carcere"

CLICCA SU CONTINUA PER LE FOTO

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Avvomax
    Avvomax

    Qualora, in ipotesi, decideste di censurare il mio commento, vi sarei grato se me ne comunicaste la motivazione.

  • Avatar anonimo di Avvomax
    Avvomax

    Roma possiede un numero considerevole di ville, parchi e riserve naturali e frequentemente tale incantevole patrimonio naturale e culturale viene valorizzato mediante lavori di bonifica, restauro, ripristino, pulizia e manutenzione straordinaria. E ciò è merito di associazioni, comitati, pubblici amministratori e cittadini sensibili ai quali noi romani ( inerti o attivi ) dobbiamo riconoscenza e gratitudine. C'è, però, il rovescio della medaglia da sottolineare che può essere sintetizzato con una sola parola : degrado. È una constatazione oggettiva ed inconfutabile che molte opere ed interventi, peraltro costosissimi, vengono abbandonati a se stessi, senza vigilanza e manutenzione ordinaria. Il bene pubblico o a fruizione pubblica, purtroppo, viene martoriato da vandalismo impunito e gli sforzi economici, di conseguenza, diventano sprechi di denaro pubblico. Ben venga la sistemazione delll'ulteriore percorso della via Francigena,  ma dovremo operarci anche per restituire alla nostra incantevole città il decoro perduto, regolamentando in modo ineccepibile le tante aree di pregio e punendo concretamente e seriamente i vandali. Dobbiamo riprenderci la nostra Roma per poterla offrire " pulita" ai turisti, ma prima di tutto a noi che ci viviamo. E chi di ciò ne fa una questione politica è il primo vandalo che va educato. Pulizia e decoro è una questione di semplice buon senso e non deve assolutamente avere colore o connotati politici. Roma vivibile è una risorsa economica per se stessa e per tutta l'Italia. E per essere bella, Roma, non ha bisogno di trucco, perché è fin troppo splendida di suo: è, in questo momento, solo "sudicia" e "vandalizzata". La soluzione: decontestualizzare la problematica. Eliminare le faziosità, utilizzare il raziocinio, "tacendo" parlando con i fatti, "pretendere" buon senso dalle istituzioni, denunciando soprusi e condotte colpevolmente omissive, avendo fiducia nei giudici e nella giustizia che, se ben sollecitata, funziona, eccome. Daje Romani ! Smettemola de sonnecchia' ! Che, se ce dormimo 'n artro po', ce se porteno via er Colosseo.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Roma e Lazio nella morsa di caldo e siccità: "Un dramma per l'agricoltura"

  • Politica

    Elezioni amministrative 2017: al ballottaggio sette comuni in provincia di Roma

  • Cronaca

    Poliziotto ricoverato allo Spallanzani: "E' meningite". Paura tra i colleghi

  • Monteverde

    Centro islamico al posto di storico ristorante: tra "scherzo" e realtà, un cartello apre la polemica

I più letti della settimana

  • Patto tra romani e ndranghetisti, scoperto traffico di droga: 587 chili di cocaina sequestrati

  • Primavalle, il parco Dominique Green tirato a lucido dagli americani

  • Piazza Thouar, smantellata struttura prefabbricata: varco tappato con il cassonetto

  • Monte Mario, blitz nel mercatino abusivo della baraccopoli di via Lombroso

  • Nemo, un "Festival di tutti e di nessuno" per rilanciare Monte Ciocci

  • Monte Mario, giardino Massimo Urbani: inaugurato a maggio è già nel degrado

Torna su
RomaToday è in caricamento