MonteMarioToday

Parco Lineare, manca poco per l'apertura. "Marino, abbiamo bisogno di te"

Dopo anni di polvere e progetti, è tutto quasi pronto ma ai 5 km di pista ciclopedonale mancano ancora piccoli interventi e qualche rifinitura. Una lettera aperta al Sindaco di Roma per sollecitarne l'inaugurazione entro l'estate

Cè un  progetto che corre sul territorio del Municipio XIV legato alla valorizzazione del verde e a un nuovo concetto di mobilità, fermo però da molto tempo e che i cittadini aspettano da altrettanto. E' il progetto del Parco Lineare, che si estende dal parco di Monte Ciocci fino a toccare i quartieri di Balduina, Valle Aurelia, Trionfale e seguendo la linea del treno passa per le stazioni di Appiano, Balduina e Gemelli fino alla Stazione Monte Mario nei pressi del complesso del Santa Maria della Pietà. Cinque chilometri di pista ciclabile e pedonale definiti come "un tracciato tutto nuovo e competitivo rispetto ai tradizionali mezzi di locomozione, tale da poter rivoluzionare così tutto il sistema di viabilità del quadrante nord-ovest della città, vista anche la sua perfetta integrazione con le stazioni che attraversa".

A parlare sono i consiglieri municipali capigruppo di maggioranza Julian Colabello (Pd), Andrea Montanari (Lista Civica Marino) e Fabrizio Modoni (Sel). Anzi, più che parlare, lo hanno scritto in una lettera aperta indirizzata a Ignazio Marino per sollecitare l'apertura nonchè consegna definitiva del parco. Una pratica, questa, che ha già preso un pò di polvere sulla scrivania delle ultime amministrazioni, ma che ora questa di centrosinistra vuole sbloccare una volta per tutte. Ad oggi il Parco sarebbe in realtà pronto, nella sua struttura e nella quasi totalità degli arredi e delle pertinenze, ma resta il fatto che l'opera stenta ancora ad essere ultimata per piccoli intoppi e opere che ancora sono da effettuare (come ad esempio l'allaccio dell'acqua, l'illuminazione completa e altri piccoli interventi di rifinitura).

Tutti interventi che possono essere portati verosimilmente a termine nel giro di poche settimane, fanno notare i consiglieri. Ulteriore ragion per cui "poter aprire uno dei parchi, se non il parco lineare più grande di Europa con l’avanzare della primavera e in vista dell'estate sarebbe il modo più bello per dimostrare che la nostra città non è ferma ma cerca di trovare testardamente un nuovo respiro dopo tanti anni bui". Il timore? "Che le resistenze di un sistema ancora tutto da cambiare possano far naufragare questo messaggio", da qui la richiesta di un intervento da parte del Sindaco di Roma affinchè l'apertura dell'area si concretizzi almeno entro l'estate. "Inaugurare il Parco Lineare è un atto di speranza", conclude la lettera che i tre amministratori locali lasciano aperta alla libera sottoscrizione di cittadini ed esponenti politici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blocco traffico: a Roma oggi niente auto nella fascia verde, tutte le informazioni

  • Blocco auto: chi può circolare a Roma domani 19 gennaio

  • Bollo auto, sconti e nuova modalità di pagamento: cosa cambia nel 2020

  • Incidente sul Raccordo Anulare: si scontrano moto e camion, morto 64enne

  • Le mani della 'Ndrangheta su San Basilio: spaccio modello Scampia da 15.000 euro al giorno

  • Sfratti, Marina e i suoi 4 figli da oggi sono per strada: "Il Comune non paga più il buono casa"

Torna su
RomaToday è in caricamento