MonteMario Today

Via Assarotti, strisce pedonali a metà: "Senza controllo non si va da nessuna parte"

La segnalazione di Oddo, consigliere di opposizione nel Municipio XIV: "Quando si effettuano questi interventi è consigliabile apporre dei cartelli. Qui non c'erano"

La situazione su via Assarotti denunciata da Oddo

Chi lascia la strada vecchia per quella nuova, sa cosa perde ma non sa cosa trova. Una cosa è certa, però: su via Assarotti, per adesso, è possibile vedere delle strisce pedonali a metà. Un lavoro incompleto segnalato da Stefano Oddo, consigliere di opposizione nel Municipio XIV. 

"Senza controllo non si va da nessuna parte – ha commentato Oddo –  ho già provveduto segnalando la cosa, a voce, all'assessore ai Lavori pubblici. Quando si effettuano questi interventi, è consigliabile apporre dei cartelli – ha proseguito – per avvertire la cittadinanza. Qui non è successo e il risultato è sotto gli occhi di tutti: l'opera deve essere terminata e la ditta, certamente, dovrà tornare".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Metro A: ad agosto chiusa la tratta tra Termini ed Arco di Travertino

  • Politica

    Roma senz'acqua verso il razionamento: "Cabina di regia per trovare alternative"

  • Incidenti stradali

    Incidente a Garbatella: scontro auto scooter, morto 44enne

  • Casal Bertone

    Preferenziale Portonaccio, a maggio multata tutta Salerno. E nella notte rifatta di nuovo la segnaletica

I più letti della settimana

  • Torrevecchia: investite da scooter, gravi mamma e figlia di 4 anni

  • Lucchina, il condominio autogestito va oltre: “Alla manutenzione del verde pensiamo noi”

  • Monte Mario, file interminabili all'anagrafico : "Tornare all’antico con gli sportelli a vista"

  • Gemelli, “l'abbonamento dei parcheggi per i dipendenti non deve aumentare”

  • Viale Esperia Sperani, in autunno al via i lavori per il progetto Playground

  • Monte Mario, salta la festa della scuola circense: “Non c’è spazio per eventi culturali”

Torna su